AGRICOLTURA BIOLOGICA, NE CONOSCIAMO IL VERO SIGNIFICATO?

 

1429882284-0-bando-di-aiuti-da-210-milioni-di-euro-per-il-biologico-in-sicilia

Biologico. Ne sentiamo spesso parlare su radio e tv, lo leggiamo sulle etichette di moltissimi prodotti, abbiamo amici e amiche che dichiarano di acquistare “solo bio”. Ma sappiamo realmente di cosa si tratta? Perché, ad esempio, al supermercato scegliamo una mela biologica e non una tradizionale?

Facciamo un po’ di chiarezza sull’agricoltura biologica.

L’agricoltura biologica, citando il SINAB (sistema d’informazione nazionale sull’agricoltura biologica)è un sistema di produzione agricola che ha come obiettivo il rispetto dell’ambiente, degli equilibri naturali e della biodiversità, e che cerca di offrire al consumatore prodotti genuini ottenuti nel rispetto del ciclo della natura. Tali tecniche escludono l’impiego di concimi, fitofarmaci e medicinali veterinari chimici di sintesi, e Organismi Geneticamente Modificati (OGM).”

Vediamo nel dettaglio i vari punti appena evidenziati.

Anzitutto, corrisponde al vero l’affermazione “acquisto prodotti biologici perché non hanno pesticidi?”. Non esattamente. Nell’agricoltura biologica sono ampiamente utilizzati pesticidi di origine naturale – quali ad esempio il rotenone o i sali di rame – che possono comunque arrecare danni rilevanti a livello ambientale: le loro tossine difatti, accumulandosi nel terreno, divengono difficilmente eliminabili.

Al contrario sembrerebbe corretto affermare che, almeno sino ad oggi, i pesticidi di sintesi utilizzati nell’agricoltura non biologica – nei limiti imposti dalla legge – non sono  da classificarsi come dannosi per la salute dell’uomo. Senza dubbio, ulteriori studi ed approfondimenti potranno confermare o smentire quest’ultima conclusione ma, per ora, tieniamola per buona.

(http://www.cra-pav.it/bancadatibiologica/iniziale.asp)

Alcune persone, leggendo questo articolo, penseranno: “almeno porto a casa un prodotto sicuramente più buono da un punto di vista nutrizionale, e soprattutto più sicuro“. Purtroppo anche su questo punto sono costretto a darvi torto.

Vari test riguardanti il confronto del contenuto nutrizionale tra prodotti biologici e tradizionali hanno dimostrato come non ci siano elementi che attestino significative differenze a favore del biologico. Tale osservazione e’ stata d’altronde gia’ supportata, un paio di anni fa, da uno studio condotto da medici e nutrizionisti dell’Università di Stanford (e pubblicato su una delle più importanti riviste mediche al mondo, Annals of Internal Medicine).

Infine, sul tema sicurezza, è ancora più evidente quanto sia falso il mito del biologico: questa certificazione riguarda il processo produttivo e non le proprietà del prodotto, che, come qualsiasi altro, deve rispettare dei rigidissimi criteri di sicurezza (regolamento CE n. 178/2002).

Questo articolo non vuole essere una protesta o una critica al biologico  (io in primis consumo anche prodotti biologici), credo sia una realtà che sicuramente presenta aspetti positivi ed in cui si sta investendo molto. Ma, informandomi, so cosa acquisto e sono cosciente del perché.  Ed è questo l’obiettivo a cui mira il mio articolo. Quanti consumatori sono davvero consapevoli di cio’ che acquistano? Credo troppo pochi. E le aziende lo sanno molto bene.

Le grandi imprese (ma anche le piu’ piccole) giocano con il marketing e guadagnano denaro dalla disinformazione. Fanno apparire i loro prodotti “più buoni”, “più sani”, “più sicuri”. In realtà, come ho tentato di spiegarvi, la certificazione “biologico” sta a significare tutt’altro. Questo articolo vuole quindi essere un grido in favore dell’informazione, una protesta alle ormai note mode sulle abitudini alimentari (vedi l’eliminazione dalla dieta del glutine e del lattosio anche da parte di chi non è affetto dalle relative intolleranze).

Ormai, nel pieno del ventunesimo secolo, abbiamo a disposizione infiniti strumenti di informazione, accessibili e gratuiti. E’ il momento di usarli. Non facciamoci infinocchiare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...